Angelo Azzurro, aneddoti e ricetta del cocktail più ermetico

angelo-azzurro-cocktail-aperitiviecene
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ogni cocktail ha la sua storia, l’Angelo Azzurro no: le sue origini aleggiano nel mistero. Comunque non sono pochi quanti affermano che il cocktail sia una variante del Blue Lagoon, nata in Italia tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta.

Il drink deve il suo celestiale colore alla presenza del Blue Curacao, un liquore a base di scorze di laraha, l’arancia dal distintivo sapore amaro che cresce esclusivamente sull’isola di Curacao.

Cosa spinga i consumatori a scegliere l’Angelo Azzurro è ancora ignoto. Forse il colorito, l’alto grado alcolico o le radici esotiche… Non lo sapremo mai. Sta di fatto che fa volare, alto.

angelo-azzurro-cocktail-limoneIngredienti:

  • O,75 cl. di Gin
  • 2,25 cl. di Blue Curacao
  • 3 cl. di lime
  • 1 scorza di limone

Preparazione:
Versate gli ingredienti in uno shaker pieno di ghiaccio, agitate e mescete il preparato in un calice martini precedentemente raffreddato. Quindi guarnite con una scorza di limone.

Articolo di Davide Ramaioli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment on "Angelo Azzurro, aneddoti e ricetta del cocktail più ermetico"

Leave a comment