B-52: aneddoti e ricetta del cocktail supersonico

b-52-cocktail-bicchieri-aperitiviecene
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il B-52 è un cocktail statunitense costituito principalmente da kahlua, crema Baileys e Grand Marnier.
Gli ingredienti presentano densità differenti, perciò il drink può essere preparato tramite una tecnica a strati.

Il gusto carezzevole del B-52 si scopre amico di cioccolatini, biscotti e bignè.
Il cocktail sa essere comunque un ottimo “solista”, specialmente se degustato nel tepore natalizio di uno chalet alpino…
Qualora non disponeste di una simile atmosfera, assaporate il B-52 per consolarvi: sarà un dolce conforto.

L’aneddoto
Il nome B-52 è un omaggio al bombardiere a lungo raggio Boeing B-52 Stratofortress, impiegato nella Guerra del Vietnam per sganciare le bombe incendiarie al napalm (da qui si ricava la versione infiammabile del cocktail).
Circa la sua ideazione, taluno sostiene che sia stato creato a Malibù, in California, nel ristorante “Alice’s”. Talaltro nel “Keg Steakhouse” a Calgary, in Canada, nel 1977.

Le varianti:
• B-52 con Bombay Doors, un B-52 con gin Bombay
• B-52 nel deserto, un B-52 con tequila al posto del Baileys
• B-52, un B-52 con Cointreau
• B-53, un B-52 con Vodka
• B-54, un B-52 con Amaretto
• B-55, un B-52 con Assenzio
• B-57, un B-52 con Sambuca al posto del Baileys e Triple sec al posto del Grand Marnier

Ingredienti:
– 2 cl di liquore al caffè
2 cl di crema di whiskey (crema Bayles)
2 cl di Grand Marnier

Preparazione:
Mettete il liquore al caffè in un bicchierino da Sherry aiutandovi con un cucchiaino appoggiato sul vetro. In seguito, con la medesima tecnica e cautela, versate la crema di whiskey. Quindi ripetete l’operazione con il Grand Marnier. L’ingrediente segreto? Una giusta dose di dedizione durante la preparazione.

Articolo di Davide Ramaioli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment on "B-52: aneddoti e ricetta del cocktail supersonico"

Leave a comment